martedì 4 ottobre 2016

Informatevi, ecco i link: Cos'è accaduto veramente alla democrazia e alla ricchezza comune. E a vantaggio di chi.

Milioni di esseri umani soffrirono e soffriranno per nulla, perché la distruzione degli Stati a spesa sovrana, delle leggi, delle classi lavoratrici, e di ogni virgulto rimasto di democrazia partecipativa fu letteralmente decisa a tavolino, per profitto, frutto di una strategia lunga 75 anni, le élites hanno lottato per decenni infiltrando la politica, le università e i media.

L'élites sapevano che gli Stati a moneta sovrana avrebbero potuto creare la piena occupazione senza problemi, in tutto il mondo, ma ciò gli avrebbe sottratto il potere. Dovevamo soffrire...
-        i fallimenti delle aziende italiane sono aumentati nel 2009 del 40%
-        il 30% degli italiani è costretto a ricorrere al prestito
-        il 38% è in seria difficoltà economica
-        il 76% e costretto alla flessibilità sul lavoro, con limiti invalicabili per l'acquisto di una casa o persino per la pianificazione di una famiglia.
-        Il lavoro a chiamata, anche detto 'intermittente', è aumentato del 75% dal 2007. Chi lavora a queste miserabili condizioni sono soprattutto operai, e lavorano un settimo degli altri dipendenti.
-        Un milione e 650 mila italiani se perdessero il lavoro non avrebbe alcuna copertura o sussidio.
-        Il 50% delle pensioni italiane non raggiunge i 1000 euro, il 27% delle pensionate arriva a meno di 500 euro.
-        1 italiano su 5 rimanda le visite specialistiche urgenti per mancanza di mezzi e l'11,2% non ha neppure il denaro per le spese mediche ordinarie.
-        L'11% degli italiani non si riscalda d'inverno.

L'attacco speculativo delle élites ai titoli di Stato italiani dell'estate 2011 ha costretto il governo a partorire le misure di austerità devastante che sono sui quotidiani, inutile ripeterle qui.

Oggi in Italia un incessante – e forse sospetto – coro di personaggi pubblici sta maniacalmente dicendovi che la minaccia che incombe sulle famiglie e sulla democrazia sono il 'cortiletto del potere' con la casta e le mafie, le leggi ad personam, di fatto tutto l'attivismo dei cittadini corre a guardare di là.

In altre parole, siamo sotto attacco nucleare, ma ci danniamo tutti per la rissa al bar di quartiere.

Nel mezzo noi, i nostri figli, E LA FINE DEL LORO FUTURO PRIMA ANCORA CHE SE LO POTESSERO IMMAGINARE.

Il dramma è che non sappiamo più reagire, e siamo i primi nella Storia a essere così pavidi. 
Divulgate! La gente deve innanzi tutto sapere chi è il vero potere e cosa ha fatto, per poterlo combattere.

Ogni caposaldo di ciò che oggi tutti considerano 'fare buona economia' fu ideato dalle élites per nascondere l'esatto opposto, cioè, la maggioranza delle persone e tutta la sinistra crede fermamente in quei capisaldi e li difendono pure. I cittadini e gli attivisti hanno adottata questa economia predatrice e oggi non riescono più a collegare i puntini fra ciò che loro considerano 'fare buona economia' e il piano delle élites. Chi mai oggi metterebbe in discussione che il deficit e il debito dello Stato sono una sciagura e che debbano sempre essere eliminati? Chi oggi dubita che siano le tasse la fonte di denaro pubblico da spendere per il sociale?

Il risultato di ciò è che coloro che credono di lottare contro il Sistema in realtà lo nutrono.

Le istituzioni democratiche sono state scardinate soprattutto dalla rimozione, ideologicamente e fisicamente ottenuta, della sovranità di spesa degli Stati e dei loro poteri legislativi sovrani. Infatti una volta che gli Stati divengono incapaci di spendere a sufficienza per preservare il benessere del popolo, non c'è più speranza di mantenere alcun bene comune e i giochi vanno tutti a favore delle élites. E preservare il bene comune è la democrazia stessa.

Esiste il modo per evitare tutta questa sofferenza, tradotta in milione di vite, sogni e speranze castrati o del tutto distrutte.

Allora dovremo:

a) capire le vere origini del presente disastro sociale ed economico, ovvero del colpo di Stato finanziario che sta storpiando la Storia

b) capire il fatale inganno nascosto in ciò che loro considerano oggi 'fare buona economia' e

c) affrontare i dogmi economici distruttivi attraverso dei principi economici che rivendichino il primato della Spesa a Deficit Positiva per la difesa del bene comune, cioè il primato della ricchezza democratica su quella delle élites. La Modern Money Theory è precisamente quei principi, poiché permette di ottenere la piena occupazione, il pieno Stato Sociale e di mantenere la stabilità dei prezzi lontano dall'inflazione, cioè di creare una cittadinanza forte, ci può aiutare a salvare la nostra esistenza. Cioè la Democrazia.


Paolo Barnard.

INFORMATEVI

IL PIÙ GRANDE CRIMINE
Ecco cos'è accaduto veramente alla democrazia e alla ricchezza comune. E a vantaggio di chi.

Questo saggio è scaricabile gratuitamente dal sito http://paolobarnard.info/index2.htm

Per chi vuole approfondire: http://paolobarnard.info/intro.htm

Anche online:

“NON ERAVAMO I PIIGS. TORNEREMO ITALIA”

PROGRAMMA MOSLER ECONOMICS – MODERN MONEY THEORY
DI SALVEZZA ECONOMICA PER IL PAESE

·         GUIDARE IL PAESE FUORI DALLA CATASTROFE ECONOMICA DELL'EURO ZONA
·         RECUPERARE LA SOVRANITÀ MONETARIA E PARLAMENTARE
·         SALVARE NELL'IMMEDIATO LE IMPRESE E L'OCCUPAZIONE

La piena occupazione deve essere l'imperativo.

Estensori:
DOTT. WARREN MOSLER - MACROECONOMISTA-STATI UNITI
PROF. MATHEW FORSTATER – MACROECONOMISTA-STATI UNITI
PROF. ALAIN PARGUEZ – MACROECONOMISTA-FRANCIA
PAOLO BARNARD - GIORNALISTA-ITALIA

Per persone del tutto digiune di economia.

www.paolobarnard.info


“IN ALTO IL DEFICIT!” Paolo Barnard intervista Warren Mosler.
Superare la crisi uscendo dall'Euro ed emettendo moneta per finanziare occupazione e servizi.


Video:


QUESTO È IL POTERE – Paolo Barnard            https://www.youtube.com/watch?v=qlIP-AkgJyc

COME L'EURO ZONA DISTRUGGE L'ITALIA, LE FAMIGLIE E LE AZIENDE –
PAOLO BARNARD                                                               http://youtu.be/L2RoVLhVHz8

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti.